Le Cantine Benvenuto: uno zibibbo slow food

Parlare delle Cantine Benvenuto, a Francavilla Angitola, non lontana da Pizzo Calabro, significa coniugare il rispetto per l’ambiente e la cura della tradizione con l’utilizzo di impianti e tecniche di vinificazione moderni.

La produzione del vino viene svolta in perfetta interazione con i tempi ed i cicli naturali e nel rispetto delle più antiche tradizioni . Ed è per questo che qui non si imbottiglierà mai a dicembre, a soli due mesi dalla vendemmia, non si fa grande distribuzione e si evita una standardizzazione chimica del gusto. Quest’ultimo è pura espressione del territorio e delle uve che da secoli si esprimono in maniera eccezionale su queste terrazze, ricche di sfumature rinnovantisi di anno in anno. Studio, ricercatezza, professionalità e passione sono alla base del lavoro delle Cantine Benvenuto.

Ed è grazie a tutto ciò che “Alchimia”, l’ultimo nato da questa azienda, è entrato nei “top hundred” al Golosaria di Milano 2016.

Il fondatore delle Cantine Benvenuto è un giovane: Giovanni Celeste Benvenuto, agronomo e sommelier, nato in Abruzzo, ma con origini familiari in questo angolo di Calabria. I vitigni autoctoni sono coltivati su colline terrazzate, raggiunte dalla brezza marina che dona un inconfondibile sapore.

La produzione annua è di circa ventimila bottiglie. E’ l’unica cantina, in Calabria, a produrre lo Zibibbo secco IGP, eccezionale da accompagnare a del pesce o a dei primi delicati. Il vitigno Zibibbo è diventato, anche grazie all’impegno del Comune di Pizzo, un Presidio Slow Food. Le altre varietà presenti in azienda sono il Magliocco, il Calabrese, il Greco Nero.

Etichettato , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *